Richiedi informazioni
Richiedi informazioni
Prodotti nel carrello
prodotto N° PZ. Prezzo
netto
Totale carrello:
procedi all' acquisto
BioAksxter®

Coltivazioni piccoli frutti

La coltivazione dei piccoli frutti


Nella coltivazione dei piccoli frutti (sia in pieno campo che in serra) è fondamentale poter contare su resa e qualità elevata del prodotto finale. La redditività e però messa a rischio da tecniche di coltivazioni stressanti (sterilizzazioni, eccessivo uso di prodotti chimici di sintesi, ecc.) che impoveriscono i terreni e restituiscono piante più sensibili a stress di origine biotica e/o abiotica. Come diretta conseguenza i costi di produzione aumentano e la qualità ne risente. Con l’impiego di Bio Aksxter® nella coltivazione dei piccoli frutti si ottiene un considerevole aumento di reddito perché la qualità migliora scongiurando ammanchi produttivi e semplificando, nel contempo, la gestione colturale.

Coltivare i piccoli frutti con Bio Aksxter®


Nella coltivazione di fragole, mirtilli, lamponi, more e altri piccoli frutti, numerose esperienze in campo hanno dimostrato che, a prescindere dal metodo e dalla tecnica di coltivazione impiegata (in campo, protetta, fuori suolo), Bio Aksxter® è concretamente efficace nel garantire le massime performances quali-quantitative.

Grazie alla sua avanzata tecnologia permette, in tempi rapidi, di superare gravi problematiche (malattie, stanchezza dei terreni, sbalzi termici, ecc.) senza far ricorso a rotazioni con colture meno redditizie o periodi di riposo forzati. In tal modo, coltivare piccoli frutti, diviene più semplice e redditizio in quanto si ha garanzia di una resa costante e di qualità.

L’impiego di Bio Aksxter® può iniziare in qualunque fase della coltivazione ed anche a raccolta avviata incrementa la qualità dei frutti in termini di proprietà organolettiche, conservabilità ed assoluta assenza di residui chimici. I migliori risultati si ottengono trattando le colture fin dalle prime fasi di impianto, partendo dal trattamento di preparazione del terreno (o del substrato di coltivazione nel caso di colture fuori suolo) e proseguendo a cadenza regolare per l’intero ciclo colturale.

Le quantità e i dosaggi consigliati sono consultabili all’interno delle schede per ogni singola coltura.