Richiedi informazioni
Richiedi informazioni
Prodotti nel carrello
prodotto N° PZ. Prezzo
netto
Totale carrello:
procedi all' acquisto
BioAksxter®

Malattie delle piante e problematiche agricole: come affrontarle con l’impiego di Bio Aksxter®

Le malattie delle piante hanno molteplici origini e possono essere provocate da agenti fungini, batterici, virali, nonché da alterazioni dovute ad agenti di inquinamento e fisiopatie causate da fattori climatici, pedologici e nutrizionali.
Il fertilizzante disinquinante Bio Aksxter® si pone come uno strumento fondamentale per prevenire e ridurre le malattie delle piante, attraverso l’aumento delle difese autoimmunitarie della pianta ed il riequilibrio dell’intero ecosistema pianta-terreno.
Patologie della vite, malattie del pomodoro o malattie fogliari e radicali di altre colture sono solo alcune delle problematiche agricole a cui Bio Aksxter® pone rimedio.
Bio Aksxter® è ideale, infatti, per trattamenti di piante da frutto, cereali, leguminose, orticole, viti, olivi, piccoli frutti e vegetali di qualsiasi tipo.
Di seguito puoi vedere, per ogni tipo di coltura, come affrontare e superare le diverse problematiche agricole e le malattie delle piante con l’impiego del fertilizzante naturale disinquinante Bio Aksxter®.
La Sharka delle drupacee - Plum Pox Virus
Lo studio oggetto del protocollo ha dimostrato che l’applicazione di Bio Aksxter®, 
anche in contesti agroambientali gravemente colpiti da Sharka (incidenza superiore all'80%), 
ha comportato il blocco della diffusione del virus ai soggetti sani e, agendo sull’equilibrio 
batteriologico del terreno e sulla capacità rigenerativa del vegetale, la graduale risoluzione  della problematica.  


Moria del melo
Da alcuni anni in tutto il nord Italia si sta diffondendo la moria delle piante di melo. Il fenomeno che ha iniziato a manifestarsi in alcuni frutteti del Trentino
e del Veneto, si è allargato a quasi tutto l’arco alpino e alla fascia prealpina.
La problematica riguarda soprattutto le giovani piante e colpisce aree più o meno estese del frutteto sia lungo i filari che tra un filare e l’altro.
Prodotti agricoli senza residui chimici
La presente documentazione riporta i risultati relativi all’analisi multiresiduale per il controllo della produzione integrata, secondo le direttive prestabilite.
Produzione del grano
Risultati ottenuti con Bio Aksxter nella produzione di grano duro presso l’azienda agricola Gardini Flavio.
La coltivazione fa riferimento ad una semina tardiva seguita da un lungo periodo di eccessiva piovosità ed un repentino abbassamento di temperatura che hanno determinato il ritardo e la scarsa germinazione.
Rigenerazione del terreno e miglioramento vegeto produttivo del melo
Il protocollo, avviato a settembre 2010, è stato richiesto dal cliente per:
  1. Evitare la sterilizzazione chimica del terreno e salvaguardare il ristoppio di melo da fenomeni di stanchezza.
  2. Aumentare la capacità vegetativa e produttiva delle Red Delicious varietà Jeromine.
Risanamento dalla batteriosi del kiwi
Confronto fra area fortemente colpita dalla batteriosi del kiwi Psa ed area confinante trattata con Bio Aksxter® (azienda agricola Bigo Mauro, Verzuolo - CN).
Terreni produttivi
Il maggior ostacolo alla produttività in orticoltura , soprattutto in ambiente protetto, è rappresentato dalla stanchezza del terreno e dallo
sviluppo di fenomeni dovuti al suo mancato equilibrio. Indipendentemente dalla tipologia del terreno, dalla latitudine e dalla specie coltivata, il susseguirsi della monocoltura porta a pesanti squilibri, al conseguente sviluppo delle patologie e quindi ad un inevitabile declino produttivo.
Marcescenza dei frutti e coltivazione biologica del melo
Nell’aprile 2009 il Signor Martin Siller, titolare dell’azienda Agricola Martin Siller Bachguterhof, ha sottoposto alla AXS M31 una problematica relativa all’unità produttiva di Corlo (Ferrara). Con la conversione del metodo di coltivazione da convenzionale a biologico, è comparso un fenomeno di marcescenza dei frutti che ha causato ingenti danni alla produzione, sia nel 2007 che nel 2008.