Fra le domande più ricorrenti circa l’uso dei nostri fertilizzanti Bio Aksxter® c’è quella sulla differenza fra Bio Aksxter® M31 e M32. Per questo cercheremo di spiegarla in questo articolo, sempre in un’ottica di ottenere migliori risultati.

Bio Aksxter

Come scegliere il fertilizzante giusto?

Si sceglie in base al tipo di coltura, ma soprattutto ai relativi problemi (perché quelli non mancano mai!) ed alle esigenze colturali relative sia al terreno che al tipo di pianta, nonché al contesto ambientale.

E attenzione, terreno e pianta sono un binomio inscindibile! Come dicevano gli antichi “pianta sana in terreno sano”.

E’ importante capire che coltivare non significa semplicemente apportare delle sostanze nutritive (nutrizione) piuttosto che intervenire con dei prodotti fitosanitari (difesa): oggi è allo stato energetico della coltura ed alle condizioni di equilibrio ambientale che l’agricoltore deve guardare.

bio aksxter m31 e m32

Bio Aksxter M31

Bio Aksxter® M31 riprogramma le fasi vegeto-produttive della pianta, rivitalizza la componente microrganica utile del suolo, favorisce il riequilibrio degli scambi ecobiologici. Rinforza le autodifese delle piante, mantiene produttivi i terreni agrari e rigenera quelli “stanchi”. Inoltre, è particolarmente indicato per prevenire e ridurre le fitopatologie.

Bio AKSXTER M31

Bio Aksxter® M31 rigenera i terreni stanchi, aumenta la produttività, previene e riduce le malattieTwittalo

Di Bio Aksxter® M31 ne abbiamo tre tipi:

Bio Aksxter M32

Bio Aksxter® M32, invece, è stato formulato principalmente per agire sull’ottimizzazione dello sviluppo vegetativo: rigenera le strutture vegetali favorendo l’aumento della massa fogliare anche in termini di peso, spessore, elasticità. Per questo motivo consigliamo il suo impiego nelle produzioni vivaistiche di giovani piante, di orticole da foglia a ciclo breve e quarta gamma, e nella manutenzione di aree verdi, parchi e giardini. Tutti contesti in cui la capacità di attecchimento, la resistenza a fattori di stress (trasporto, trapianto, rinvaso) sono parimenti importanti ai parametri “visivi”, come una bella fioritura dalla colorazione intensa ed un rigoglio vegetativo.

Bio Aksxter M32 ortoflorovivaismo

Bio Aksxter® M32 è formulato principalmente per aumentare lo sviluppo vegetativo: peso, spessore, elasticità.Twittalo

Di “M32” (come lo chiamiamo amichevolmente all’AXS M31) ne abbiamo due tipi, entrambi destinati alla produzione di orticole da foglie, floricoltura e vivaismo:

E quando si usa allora Bio Aksxter M32 orto e giardino?

Infine, abbiamo Bio Aksxter® M32 linea orto e giardino. Un prodotto progettato e sviluppato per il semplice utilizzo hobbistico, infatti è dedicato ad appassionati del green e dell’orto, con appezzamenti fino a 300 mq. È molto facile da usare ed adatto per tutti i tipi di coltura come ortaggi, piante da frutto, piante da interno, fiori e piante ornamentali, che siano in campo o in vaso… persino sul balcone!

Bio Aksxter M32 linea orto e giardino

Tanti M31 ed M32, tutti diversi ma…

Ecco, abbiamo visto brevemente cosa differenzia i nostri prodotti. Ma cosa li accomuna???

Questi fertilizzanti di nuova generazione si differenziano da tutti gli altri prodotti per l’agricoltura per la loro tecnologia disinquinante che consente sia di ricreare gli equilibri biologici potenziando tutti i processi vitali della pianta e rigenerando il terreno sia di eliminare i residui chimici nei prodotti agricoli salvaguardando le qualità organolettiche (in pratica il “sapore di una volta”!) e soprattutto la nostra salute.

differenza bio aksxter m31 e m32

Bio Aksxter M31 + M32 = il piacere di coltivare

Le formulazioni Bio Aksxter® lasciano spazio creativo all’agricoltore perché consentono di giocare con l’M31 o l’M32, spesso anche in abbinamento.

L’occhio attento verso le necessità della pianta in luogo del “si è sempre fatto così” non possono che favorire il risultato agricolo.

Premesso che Bio Aksxter® si utilizza durante tutto il ciclo colturale, è possibile intervenire in modo da favorire la parte aerea della pianta piuttosto che quella radicale o in prevenzione alle patologie per uno stato fitosanitario ottimale.

Inoltre, quando il ciclo della pianta è in “fase discendente” ossia quando è più esposta a stress e cali delle difese immunitarie con conseguenti attacchi fungini, batterici e virali, oppure quando in seguito ad eventi climatici debilitanti, è opportuno aumentare la dose o intervenire con trattamenti suppletivi. Con le dovute osservazioni scopriremo come intervenire anche per migliorare lo stato del terreno.

Ad esempio, utilizzeremo l’M31 a doppia dose:

  • in fase di preparazione del suolo,
  • al trapianto,
  • in fase pre-invernale (post raccolta),
  • in presenza di patologie.

Se vogliamo anche sviluppare la parte vegetale (chioma, massa fogliare, etc.) aggiungeremo l’M32.

bio aksxter m31 e m32

Se vogliamo far sì che le nostre piante siano più longeve, fruttificando in abbondanza ed a lungo producendo bei frutti useremo l’M31, ma per migliorarne la dolcezza ed il colore aggiungeremo l’M32 verso la fine della fase di maturazione 10-15 gg. prima della raccolta.

Se ti è sembrato sembrato utile questo articolo, non dimenticare di condividerlo sui tuoi social e se vuoi rimanere sempre aggiornato sul mondo agricolo, iscriviti alla nostra Newsletter ;)!