3 Condivisioni

Scritto dal gruppo di studio “We 4 Evolution”.

E’ un posto difficile da raggiungere, quasi fuori mano. Attraversiamo il paese delle sette ville, poi una curva a cent’ottanta gradi ci ribalta in un paesaggio incontaminato fatto di ruscelli e cascatelle, verde lussureggiante, rocce a picco, un’unica strada stretta con i muri a secco; in discesa per quattro chilometri poi, appena dopo un antico ponte romano, una salita nel bosco e un piccolo altipiano soleggiato si apre appena sotto un coperchio di cielo.
La zona del Banale… chissà perché si chiama così, qui di banale non c’è proprio nulla, tutto appare invece così straordinario. Ce lo conferma un uomo, come un’apparizione sul ciglio della strada, una figura uscita da un museo etnografico, la falce in mano, gli scarponi di cuoio consumato. Ci spiega: “ban, feudo; heil sacro… feudo sacro”. A metà salita, appena sotto il Santuario della Madonna di Deggia, arriviamo al parco scientifico tecnologico della AXS M31, dove nasce Bio Aksxter®.
Il sole brilla sulle strutture d’acciaio installate in un’area di 13.000 mq. adibita alla produzione delle più avanzate formulazioni per l’agricoltura ed allo sviluppo di innovativi progetti rivolti alla salvaguardia ed alla tutela dell’agricoltura, della salute e dell’ambiente.

impianti-tecnologici-per-la-produzione-di-bio-aksxter
Impianti tecnologici per la produzione di Bio Aksxter® (particolare)

Parco scientifico tecnologico AXS M31
A Deggia, in Trentino

Proprio qui nascono i fertilizzanti disinquinanti Bio Aksxter®.
Silvana Zambanini ci spiega l’importanza dell’applicazione all’attività primaria dell’agricoltura di questa avanzata tecnologia: “La fonte è l’energia pulita, naturale ed inesauribile scoperta dal ricercatore Alessandro Mendini. La primaria necessità per il sostentamento della nostra vita sul pianeta”.
E continua: “Si tratta di un’energia dimensionale, estrapolata da un’altra dimensione per la nostra dimensione. Bisogna capire il concetto della varietà di energie. L’energia elettrica non è niente per il ricercatore. A lui interessano le energie superiori dalle quali origina la vita. E queste energie hanno una porta per passare dall’invisibile e trasformarsi in materia vivente, la porta del regno minerale. Allo stesso modo Madre Natura aprendo questa porta ha creato il regno vegetale. Infatti, il vegetale è l’unico essere in grado di trasformare l’inerte in biomassa. Per questo dovremmo aver più cura delle piante, perché da esse dipende la nostra vita”.

All’improvviso comprendiamo il perché di tutti questi captatori con tutti quei cristalli.

impianti-tecnologici-per-la-produzione-di-bio-aksxter®
X18Y PEGASUS EG36
“Non si progredisce cercando di migliorare ciò che è stato fatto, bensì cercando di realizzare ciò che ancora non esiste.’’

Khalil Gibran

Davanti a noi l’X18Y PEGASUS EG36, strumentazione adibita al processo di caricamento delle particelle caratterizzanti le formulazioni Bio Aksxter® e delle superparticelle per l’abbattimento della radioattività. Il canalizzatore TRYKXSOR A G33 programmatore di energia cosmica. L’XY G28, captatore di onde traduttrici dallo spazio profondo con il suo XY deceleratore e trasformatore delle onde cosmiche SUN, programmatore e miscelatore delle forme d’onda dell’intelligenza di base. La parabola multifunzione UNIVER X83 con il suo ricettore e valvola a ricezione multipla per analisi in nano-Armstrong. Il Radiolare con ricettore al microcosmo e la parabola planare Andromeda 92 con ricettori al macrocosmo per la miscelazione di onde cosmiche profonde. Il captatore dimensionale VERITAS ed in fondo, ecco l’ultimo impianto costruito recentemente, il COSMIC 18F, un portale dimensionale decodificatore universale cyber per l’intelligenza di base planetaria, con cui è possibile realizzare qualsiasi tipo di progetto rivolto al miglioramento della vita ed alla costruzione del futuro.

impianti-tecnologici-per-la-produzione-di-bio-aksxter®
C8G COSMIC 18F (particolare)

Nel parco visitiamo anche una serra sperimentale nella quale vengono sviluppati studi specifici sulla fotosintesi e l’energia vitale dei vegetali, vi sono collocati esclusivi macchinari e specifiche strumentazioni elettroniche di misura. In essa viene sviluppato il progetto “Criosintesi”, per la criosintesi clorofilliana in assenza di luce, in cui si impiega energia ad alta risoluzione per la Dinamica e la Fotosintesi Amplificata. Si tratta di un progetto, massimamente rivolto al ripotenziamento della produttività agricola futura in quanto tiene conto delle condizioni climatico-ambientali estreme e delle nuove cognizioni genetiche emergenti.

strumentazioni-tecnologiche-per-la-produzione-di-bio-aksxter®
ANTICA GIOVANE ricettore analitico cosmico e ZX9 SUPERCONTROL per coordinate evolutive trigonometriche telecinetiche

All’interno della serra sperimentale, molte altre strumentazioni collegate esternamente alle piante del campo sperimentale. Anche queste strumentazioni servono per la produzione dei fertilizzanti biologici a formulazione magnetica Bio Aksxter® e per la progettazione di altri prodotti.

Impianti tecnologici per i disinquinanti Bio Aksxter®

Noi sappiamo che i fertilizzanti sono, per definizione, quelle sostanze nutritive atte al miglioramento della fertilità del terreno e delle specie vegetali coltivate, ma sappiamo pure che la normativa riporta nel regolamento i titoli dei parametri di natura biologica riferiti a salmonelle, enterobatteri, streptococchi fecali, nematodi e altro, facendo riferimento a strutture esistenti decomposte di cui spesso non si valuta la pericolosità, così come accade anche per quelle derivanti dalla chimica di sintesi. Quindi le norme sui fertilizzanti autorizzando, seppur limitatamente, l’impiego di queste sostanze nocive in realtà favoriscono l’alterazione degli ecosistemi. Per questo siamo affascinati da questa ventata di innovazione che rappresenta la via d’uscita a molte problematiche ambientali.

AXS M31 è l’unica azienda al mondo, produttrice di mezzi tecnici per l’agricoltura, in grado di riparare l’ecosistema.
Ma non è tutto…
impianti-tecnologici-per-la-produzione-di-bio-aksxter®
TRYKXSOR A G33

Quando torniamo indietro è come se fossero passati cento anni; il sole è sparito dietro alla montagna che porta impressa una grande X e noi sentiamo il silenzio che ci ammanta. E’ allora che ci ricordiamo di quel concetto semplicemente difficile, espresso in tutte quelle strumentazioni, quello dello zero assoluto. Una dimensione al di fuori della quale tutto è in movimento: il punto fermo dello zero assoluto. Da esso dipendono tutte le altre dimensioni, tutte le strutture, ogni unità biologica, ogni corpo, ogni frequenza. E’ la fonte della vita che le rende irrepetibili.      


Ti è piaciuto? Allora condividilo sui tuoi social e se vuoi rimanere sempre aggiornato sul mondo agricolo, iscriviti alla nostra Newsletter… Scrivi il tuo commento!

3 Condivisioni

INVIACI UN COMMENTO