Scopo principale dei test colturali è mettere a confronto le performance produttive di specie e varietà di vegetali in contesti differenti. Tali contesti possono variare in base alle caratteristiche della stazione (clima, terreno, etc.) oppure in base alla tecnica colturale adottata (strumenti, lavorazioni, fertilizzanti, mezzi di difesa, etc.).

La metodologia applicata in sede di sperimentazione è ovviamente fondamentale per la buona riuscita del test e si articola di varie fasi in genere riconducibili in:

  • definizione di metodi e mezzi tecnici da impiegare;
  • rilevazione dei dati;
  • analisi dei risultati;
  • conclusioni.

effetto margine 5

Tale metodologia definita “classica” va adattata al contesto operativo; non deve rappresentare, infatti, un monolite immutabile ma piuttosto un percorso agronomico da concepire razionalmente in funzione dei fenomeni che si vogliono osservare e sottoporre a valutazione.

In campo agronomico, presupposto fondamentale è che i fenomeni esaminati abbiano una congrua base di osservazione fondata su dati rilevati su una adeguata superficie di prova. Infatti per la legge dei grandi numeri e per il principio di indeterminatezza, poche osservazioni non possono che rendere solo una rappresentazione parziale del fenomeno studiato.

Da qui la considerazione che, da un punto di vista strettamente tecnico, è sconsigliabile effettuare test su piccole aree coltivate in quanto meno produttive e convenienti rispetto invece all’impiego di Bio Aksxter® (come di altri mezzi tecnici per l’agricoltura) su superfici di maggiore estensione.

effetto margine 3

È da sottolineare che i test effettuati su appezzamenti limitati restituiscono sempre risultati parziali rispetto alle superfici minime consigliate (almeno 1 ettaro per ogni tipologia di coltura) anche perché, in quest’ultime, si riscontrano meno interferenze esterne e l’effetto margine (zona di contatto con ambiente esterno non trattato con Bio Aksxter®) incide molto meno.

Per interferenze esterne si intendono i potenziali scambi biologici (ad es.: funghi, virus, batteri, etc.) o chimici (effetto deriva da impiego di fitofarmaci) che possono provenire dall’area esterna non trattata. In particolare i fattori biotici, in condizioni ambientali predisponenti, possono innalzare la propria soglia di aggressività e divenire patogeni.

Nel caso di coltivazioni su piccole aree la problematica persiste maggiormente in quanto il perimetro rappresenta una zona da dove la potenziale fonte di inoculo e gli attacchi dall’esterno possono giungere pregiudicando il buon andamento della coltivazione (effetto margine).

Tale area di contatto che possiamo definire anche una sorta di zona cuscinetto ha, più o meno, la stessa estensione a prescindere del tipo di coltura o terreno, sia per le colture in pieno campo che in serra, e si estende per 3-7 metri circa (Fig. 1).

effetto margine
Fig. 1 – Effetto margine: confronto tra grandi (a.) e piccole (b.) superfici coltivate.

Come si evince dalla figura, sulle superfici limitate (fig. 1.b) l’area di contatto incide di più sull’area interna andando a interessare maggiormente anche i processi svolti normalmente dalla flora-fauna microbiologica, responsabile dei processi edafici e di umificazione, leggasi fertilità.

Bio Aksxter®, grazie alla sua formulazione, oppone una vera e propria barriera protettiva all’ingresso degli agenti fitopatogeni preservando le capacità vitali dei vegetali anche in caso di gravi condizioni di stress biotico/abiotico. In tal senso è opportuno, in fase di distribuzione del prodotto, soffermarsi un po’ di più lungo il perimetro dell’area trattata al fine di predisporre al meglio tale protezione.

effetto margine

Inoltre, impiegando Bio Aksxter®, anche l’agroecosistema circostante gode di un positivo effetto margine inverso. Infatti, anche all’esterno dell’area trattata (con un gradiente che si riduce con la distanza), si estendono i benefici del suo impiego in termini di rivitalizzazione del terreno e incremento delle difese autoimmunitarie dei vegetali.

Alla luce di quanto suddetto non è opportuno effettuare prove su piccole superfici tanto più se adiacenti fra loro, sia perché il risultato è minore a fronte di una maggiore spesa, sia perché, come abbiamo visto, gli effetti margine e deriva possono inficiare i risultati attesi.

effetto margine 2

Ridurre l’area trattata significa, quindi, precludersi i benefici dell’impiego di Bio Aksxter® su più larga scala ed ottenere meno risultati in termini di produttività, reddito e, a parità d’importanza, protezione dell’agroecosistema.

L’agricoltore che semplicemente utilizza Bio Aksxter® sull’intera superficie aziendale ottiene sempre risposte sicure che si traducono in maggior reddito e salvaguardia della potenzialità agronomica del proprio capitale terreno.

LASCIA UN COMMENTO