Cosa seminare a settembre e ottobre

Arriva l’autunno: come coltivare l’orto a settembre e ottobre? Si avvicinano a grandi passi le stagioni più fredde; superato il tepore estivo, le temperature iniziano a calare e le piogge si fanno più frequenti.

orto autunnale invernale
Bietole a coste colorate coltivate con Bio Aksxter®

Niente paura però, selezionando con cura le specie da coltivare, anche in autunno è possibile assaporare ortaggi buoni e freschi coltivati nel nostro orto. Non sono necessarie grandi superfici, bastano pochi metri quadrati (è sufficiente anche un terrazzo) e, disponendo le colture in modo appropriato e sfruttando bene gli spazi, si possono produrre buone quantità di ortaggi e verdura in modo da almeno limitare il ricorso all’acquisto in negozio. Vediamo cosa possiamo piantare a settembre e ottobre!

Ortaggi autunnali e invernali

Approfittando del clima in genere mite e dell’abbondanza di piogge, quelli di settembre e ottobre sono certamente i mesi ideali per la semina di varietà a ciclo colturale corto o medio-corto come spinaci, cime di rapa, ravanelli, rucola, valeriana, insalate e radicchi. La coltivazione di queste specie vegetali non richiede particolare cura e nel giro di poche settimane consente di ottenere un buon raccolto senza particolare sforzo.

Radicchio: ortaggio invernale

Ma la scelta di cosa seminare in autunno è ancora più ampia: verdure crucifere (denominate anche Brassicacee) come verze, cavoli neri e alcune varietà tardive di cavolfiori e broccoli possono essere mantenuti in coltivazione anche fino a dicembre. In montagna e nelle zone a clima particolarmente rigido sarà, tuttavia, utile predisporre piccole serre e protezioni dalle gelate nei mesi invernali più freddi.
Nel meridione, al contrario, è opportuno valutare se posticipare la semina/trapianto in quanto a settembre il caldo potrebbe ancora persistere e la siccità potrebbe ostacolare la regolare crescita degli ortaggi autunnali. Puoi scoprire di più sulla coltivazione del cavolo e del broccolo in questo articolo

coltivare orto invernaleAltri ortaggi che possiamo piantare a settembre e ottobre sono aglio, carote e cipolla. Quest’ultime hanno bisogno di un po’ più di tempo per giungere a maturazione (dalle 15 alle 18 settimane) e necessitano di suoli soffici e leggeri; quindi, se il terreno si presenta compatto o crostoso, è necessaria una opportuna lavorazione.

Carote: ortaggi invernali

Orto invernale: come coltivare e ottenere i migliori risultati

Una buona regola da applicare negli orti autunnali e invernali e quella di far ruotare le colture in modo da evitare che una specie ricada nella stessa posizione precedentemente occupata. Inoltre durante l’inverno, date le temperature più basse, si riduce l’attività microbiologica del terreno e rallenta di conseguenza lo sviluppo di quei processi indispensabili alla formazione della fertilità. Un terreno poco fertile si presenta, in genere, anche mal strutturato e compatto; condizione che favorisce il ristagno d’acqua e la presenza di eccessiva umidità, deleteria anche in inverno.

Rimedio indispensabile contro la stanchezza dei terreni e per la buona riuscita di ogni coltivazione invernale è l’impiego di Bio Aksxter®. Grazie alla sua formulazione, Bio Aksxter® consente di riequilibrare le proprietà biologiche del suolo per riportare il terreno ad una condizione ottimale di fertilità e struttura. Agisce, inoltre, a favore delle difese autoimmunitarie delle piante per incrementarne la resistenza nei confronti di malattie e avversità connesse a sbalzi climatici ed eccessiva umidità.
Cosa aspetti, è ora di iniziare a pensare al tuo orto invernale 😉 ! Bio Aksxter®, da 15 anni, si dimostra il più valido alleato non solo per le aziende agricole, ma anche per appassionati ed hobbisti che coltivano l’orto invernale.

Bio Aksxter® M32 orto e giardino
Bio Aksxter® M32 orto e giardino: 1 tappo ogni 4 litri d’acqua, 500 litri di soluzione fertilizzante in un solo litro di prodotto

Se questo articolo ti è sembrato utile, non dimenticare di condividerlo sui tuoi social e se vuoi rimanere sempre aggiornato sul mondo agricolo, iscriviti alla nostra Newsletter ;)!

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva