Il tuo carrello

Agricoltura NATURALE, residuo ZERO. Un’utopia?

Agricoltura NATURALE, residuo ZERO. Un’utopia?

23 gennaio 2019 - BioAksxter®

Quanti pesticidi mangiamo?

Agricoltura naturale? Si parla tanto di agricoltura naturale, ma per quanto riuscissimo a coltivare senza l’uso di prodotti chimici di sintesi, come faremmo a liberare il terreno da tutti quei residui accumulati da oltre 50 anni? Gli inquinanti che sono stati impiegati in agricoltura e che continuano ad essere distribuiti ovunque, finiscono sempre nel nostro organismo.

Pesticidi e ciclo dell’acqua

Le molecole dei principi attivi, pesticidi, agrofarmaci o fitofarmaci che dir si voglia, immesse nell’ambiente, continuano all’infinito il loro viaggio, non si accumulano solo nei suoli, ma finiscono nelle acque di superficie, nelle falde sotterranee e nell’aria. Entrano nell’indissolubile catena terra-acqua-aria, e come un gatto che si morde la coda creano un circolo vizioso. L’acqua degli oceani, dei mari, dei fiumi, dei laghi, ma anche quella delle irrigazioni e quella traspirata dalle piante, i polmoni verdi del nostro pianeta, evapora ogni giorno in enormi quantità sotto l’azione del calore solare.

Il vapore acqueo sollevato dalle correnti d’aria sale incessantemente verso l’alto. Qui, incontrando aria sufficientemente fredda, si condensa in gocce minutissime formando le nubi che possono essere trasportate dai venti in zone anche lontanissime da quelle in cui sono nate.

Il-ciclo-inquinante-dei-pesticidi_agricoltura-naturale-696x520.jpgIl ciclo dei pesticidi

Quando le dimensioni delle gocce continuano ad aumentare, l’aria non è più in grado di sostenerle, perciò cadono sotto forma di pioggia, neve o grandine. Se questo avviene nelle zone polari o a grandi altezze, le precipitazioni vanno ad alimentare i ghiacciai, altrimenti ritornano ai corsi d’acqua, o vengono assorbite direttamente dal terreno dove si raccolgono in specie di serbatoi sotterranei che alimentano le sorgenti. Tutto ritorna: dalla terra al cielo, dal cielo alla terra, gli inquinanti passano inesorabilmente anche dai nostri piatti!

Basta pensare a quanto è emerso dalle analisi chimico-fisiche sullo stato dei ghiacciai trentini (il Presena, nel gruppo dell’Adamello): sono state trovate tracce di erbicidi (terbutilazina) utilizzati nelle coltivazioni di mais della pianura Padana. Che dire poi del DDT trovato persino al Polo Nord, nei pinguini dell’Antartico e sull’Himalaya?! E del glifosato trovato nelle urine di persone che vivono lontano dai campi trattati e nell’acqua potabile?!

Agricoltura naturale e la problematica dell’inquinamento: cosa fare?

E noi che pensavamo di fare agricoltura naturale! Sì, è giusto, si può fare l’agricoltura naturale, qualcuno direbbe basta non usare sostanze chimiche, ma come possiamo essere certi di non “mangiare” gli inquinanti impiegati da altri agricoltori?

Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma. Il problema della chimica di sintesi è che le svariate molecole dei cosiddetti principi attivi, sono molecole aperte ossia in grado di interagire, di dissociarsi e ricombinarsi formando sostanze sempre più pericolose, di modificare i processi metabolici di altri organismi, di produrre fenomeni di resistenza dei patogeni e sempre nuove malattie. La problematica dell’inquinamento tocca l’intero agroecosistema e mina tutte le produzioni agricole!

Allora come possiamo coltivare ed essere certi di mangiare frutta e verdura a zero residui? “Residuo zero” esiste veramente o è una pura utopia?

La risposta è unica: bisogna disinquinare! Al giorno d’oggi è possibile coltivare disinquinando. E’ possibile chiudere il circuito delle molecole contaminanti immesse nell’ambiente, riportare le colture ed il terreno in equilibrio, eliminando i residui chimici nei prodotti agricoli.

Bio-AKSXTER-M31-696x364.jpg
Coltivati con BioAksxter®

Mangio tutto quello che produco e ne sono orgoglioso

Esistono aziende agricole che già lo fanno, sono contraddistinte dal marchio di qualità “Coltivati con BioAksxter®” apposto sui loro prodotti agricoli. Una certificazione volontaria che dimostra rispetto per l’ambiente, effettiva qualità dei prodotti e attenzione verso il consumatore. Sì, perché residuo zero non è un’utopia, ma il risultato di questa scelta!

Coltivati-con-Bio-Aksxter-2-696x583.jpg

Ed anche se le lobby dell’agricoltura intensiva “non si toccano”, vogliamo riprendere l’auspicio di Andrea Tomasi che nel suo documentario ‘Pesticidi, siamo alla frutta’, sottotitolato ‘Biancaneve non è sola’ ha detto: “L’Italia può e deve fare di più. Ma possiamo partire da noi stessi, prendendo consapevolezza del fatto che ogni volta che scegliamo qualcosa al supermercato è come se votassimo: decidiamo noi cosa il mercato offrirà domani”.

Consumatore green cerca produttore green

Appunto, quando scegliamo di acquistare frutta e verdura, proviamo prima di capire non solo con che metodo è coltivata, ma cosa ha fatto l’agricoltore per disinquinare il terreno dai residui che arrivano nei nostri piatti attraverso il ciclo di terra-acqua-pianta-aria! La consapevolezza, l’informazione e la richiesta dal basso, ovvero dal consumatore stesso è il mezzo migliore per accelerare il necessario cambiamento. Solitamente gli agricoltori hanno un unico interesse: vendere i loro prodotti agricoli e per questo non sono disposti a scontrarsi con gli interessi enormi della grande distribuzione e dell’agroindustria che facendo del cibo solo una merce da vendere (e soprattutto da comprare) al prezzo più basso possibile, riducono il mondo a zero anziché a zero residui.

Contatti

Per qualsiasi informazione contattaci tramite la richiesta informazioni o chiamando al numero 0465 734591

Richiedi info

Casi di successo

Filippo e Giancarlo, viticoltore biologico

Filippo e Giancarlo, viticoltore biologico

Dettagli

Articoli correlati

testpic_1
05 ottobre 2021 / Sara Appoloni

L’orto innovativo di VerdeVegetale: la sfida di Franzoi Lorenzo

  • Aziende agricole
  • Cibo e Salute
  • Agricoltura sostenibile e Ambiente

È la storia del nostro giovane trentino Lorenzo Franzoi, classe 1995, non affatto indifferente ai problemi legati... Leggi

conversione-al-biologico-con-bioaksxter,3804.png?WebbinsCacheCounter=1
25 maggio 2021 / BioAksxter®

Bio: pronti alla conversione 4.0?

  • Aziende agricole
  • Cibo e Salute
  • Agricoltura sostenibile e Ambiente
  • Problematiche agricole

Interroghiamoci sul Green Deal, un percorso strategico per la trasformazione dell’Europa in una società a impatto... Leggi

come-sara-l-agricoltura-prospettive-di-sviluppo-sostenibile
26 gennaio 2021 / Silvana Zambanini

Come sarà l’agricoltura: prospettive di sviluppo sostenibile

  • Aziende agricole
  • Cibo e Salute
  • Agricoltura sostenibile e Ambiente
  • Storytelling

Alcuni si chiedono come sarà l’agricoltura nel 2050, pensando alle conseguenze dei cambiamenti climatici; altri si... Leggi

bio-aksxter-disinquinante-1068x636
20 ottobre 2020 / BioAksxter®

BioAksxter® disinquinante e unico al mondo!

  • Aziende agricole
  • Cibo e Salute
  • Agricoltura sostenibile e Ambiente
  • Storytelling

Leggi

copertina-residui-da-fitofarmaci-bioaksxter-1068x585
25 febbraio 2020 / BioAksxter®

Con BioAksxter® zero residui da fitofarmaci… pensiamoci per tempo!

  • Aziende agricole
  • Agricoltura sostenibile e Ambiente
  • Problematiche agricole

Leggi

aratura-con-i-buoi-bioaksxter1-1068x689
11 febbraio 2020 / BioAksxter®

Semplificare la Difesa Fitosanitaria e dormire tranquilli

  • Aziende agricole
  • Agricoltura sostenibile e Ambiente
  • Problematiche agricole

Leggi

copertina-5,2302.jpg?WebbinsCacheCounter=1
04 dicembre 2019 / BioAksxter®

L’inquinamento del suolo, un male del nostro tempo

  • Aziende agricole
  • Agricoltura sostenibile e Ambiente
  • Storytelling

Leggi

Community BioAksxter®

Restiamo sempre in contatto, non perderti le informazioni sul mondo BioAksxter®.
Studi, consigli tecnici e notizie riguardanti l'agricoltura e l'ambiente. Ma non solo. Se vuoi sostenere il nostro impegno concreto di ricostruzione dell’ambiente, perché sei un agricoltore consapevole o un cittadino responsabile che guarda al futuro, entra nella community e partecipa attivamente al disinquinamento.

Facebook Instagram Youtube Twitter pinterest linkedin

Grazie

Ti abbiamo inviato un'email. Per attivare la newsletter clicca sul link che troverai nel messaggio, grazie!

close

Iscriviti alla newsletter

Annulla
close

Credits & Copyright

PROGETTAZIONE, GRAFICA, CONVERSIONE E REALIZZAZIONE SITO WEB:
www.kumbe.it

MATERIALE FOTOGRAFICO E MULTIMEDIALE:
AXS M31 e relativi proprietari

TESTI:
AXS M31


© Copyright AXS M31 di Zambanini Silvana
É assolutamente vietato copiare e/o riprodurre anche solo in parte qualsiasi contenuto senza previa esplicita autorizzazione.

close

Grazie

Il suo messaggio è stato spedito correttamente.

close
Nascondi video
Chiudi Registrati

Oppure accedi

Password dimenticata?

Chiudi

Recupero password


Chiudi
close