Il tuo carrello

Aridocoltura: pratica sostenibile o insostenibile?

Aridocoltura: pratica sostenibile o insostenibile?

05 maggio 2023 - BioAksxter®

Con il termine aridocoltura o dry farming si intende la coltivazione di piante in clima semi-arido e priva di irrigazione. Questa pratica, infatti, mira ad ottimizzare lo sfruttamento degli apporti idrici naturali (precipitazioni atmosferiche, corsi d’acqua limitrofi, ecc.), consentendo la coltivazione solo di determinate colture: le cosiddette piante aridoresistenti.

Piante da aridocoltura e tipologia di terreno

Cosa coltivare in aridocoltura? Quali sono le piante resistenti allo stress da siccità?
Di seguito elenchiamo le possibilità.

  • Coltivazioni arboree: vite e ulivo.
  • Coltivazioni cerealicole: colza, girasole, grano duro, orzo e avena.
  • Coltivazioni orticole: patata, cipolla, aglio e melone.

Il tipo di terreno che più si presta alla pratica dell’aridocoltura è quello argilloso perché ha un’ottima capacità di ritenzione idrica rispetto ad altre tipologie di suolo.

Dryland-plants-and-soil-type-Piante-da-aridocoltura-e-tipologia-di-terreno.jpg

La mancanza d’acqua in aridocoltura e le ripercussioni agro-ambientali

La risorsa acqua è un bene prezioso la cui progressiva scarsità è sempre più un problema planetario. Sebbene la mancanza d’acqua sia sentita in maniera differente nel mondo, anche i Paesi con maggiori risorse idriche stanno iniziando a soffrirne, in particolare dal 2022.

Secondo i dati della FAO, il 70% dell’acqua (potabile) globale è impiegata in agricoltura. Questo dato ci fa capire quanto l’acqua sia un fattore chiave per il settore e quanto l’aridocoltura sia una pratica spesso insostenibile in numerose aree geografiche del mondo.

Infatti, dobbiamo ben tenere a mente che l’insufficienza d’acqua in agricoltura può causare:

  • mancato sviluppo vegetativo e moria delle piante
  • diminuzione delle produzioni agricole e conseguente indisponibilità di cibo
  • riduzione della qualità dei prodotti agricoli
  • prodotti agricoli di basso valore commerciale
  • scarsità di ritenzione idrica o scarsa capacità drenante del terreno

Un effetto rilevante della coltivazione in regime di aridocoltura è il calo della biodiversità. Se da un lato vi è il risparmio idrico, dall’altro lato vi è un problema ambientale da non sottovalutare. Quindi, l’aridocoltura può essere effettivamente definita una pratica sostenibile?

Impatto-dei-cambiamenti-climatici-in-aridocoltura-Impact-of-climate-change-in-dry-farming.jpg

Scarsità delle risorse idriche: come mitigarne gli effetti

La gestione efficiente delle risorse idriche in agricoltura richiede una combinazione di strategie e di soluzioni che tengano conto delle specificità del territorio e delle esigenze delle colture. Preservare la disponibilità idrica nel suolo significa evitare perdite per evaporazione del terreno e traspirazione della pianta.

Pertanto, in aridocoltura sono richieste pratiche di gestione del suolo che favoriscano la capacità di ritenzione idrica e la capacità drenante come:

  • la scelta di tipologie di piante a radici profonde
  • la semina su sodo o da sovescio
  • la copertura del suolo tramite pacciamatura o l’inerbimento in modo da trattenere l'umidità
  • la somministrazione del fertilizzante disinquinante BioAksxter®

In tal senso rispolveriamo un test che ben fa comprendere l’utilità di BioAksxter®:

Test di germinazione frumento in sabbia desertica

La formulazione Mendini brevettata nel 1981 (denominazione BioAksxter® dal 2002) è stata presa in esame da vari Enti ed Università in diversi contesti (laboratorio, campo, serra ecc.)

Tra questi, di seguito documentiamo un test di germinazione risalente al 2001 condotto su frumento varietà Maestra trattato e non trattato. Il seme selezionato, posto il 25/09/2001 in Piastra di Petri con sabbia desertica (4 gr), è stato contrassegnato in blu per il non trattato e rosso per il trattato.

Nelle foto è evidente il risultato: il seme trattato presenta un netto vantaggio nella germinazione e nello sviluppo. Inoltre, il terreno trattato (sabbia del deserto) evidenzia una maggiore capacità di ritenzione idrica (riscontrabile nella colorazione più scura) ed un minor consumo d’acqua (riscontrabile nello sviluppo dei semi di frumento).

BioAksxter-test-di-germinazione-frumento-in-sabbia-desertica-2001.jpg
stato al 03/10/2001

test-di-germinazione-frumento-in-sabbia-desertica-2001-BioAksxter.jpg
stato al 04/10/2001

BioAksxter-2001-test-di-germinazione-frumento-in-sabbia-desertica.jpg
stato al 06/10/2001

test-di-germinazione-frumento-in-sabbia-desertica-BioAksxter-2001.jpg
stato al 08/10/2001

Impatto dei cambiamenti climatici in aridocoltura

I cambiamenti climatici stanno già avendo un impatto significativo nella coltivazione in ambiente arido. Nell’arco di poco tempo si può passare da fenomeni di ondate di calore estreme ad inondazioni improvvise, come in Pakistan, uno dei Paesi che più in assoluto pratica l’aridocoltura. Conditio sine qua non.

In zone a clima caldo-arido, inoltre, può sommarsi il fenomeno irreversibile della desertificazione.

Tali situazioni mettono le coltivazioni in condizioni di stress abiotico, compromettendone seriamente la produttività. Pertanto, non si pensi che le rese in regime di aridocoltura diano il massimo.

In generale, gli effetti dei cambiamenti climatici nell'aridocoltura possono avere gravi conseguenze sulle economie locali e sulla sicurezza alimentare dei consumatori. Per mitigare tali effetti, sono necessarie politiche e strategie di adattamento che prevedano la gestione sostenibile delle risorse idriche, la diversificazione delle colture, l'utilizzo di tecniche di agricoltura di precisione e la promozione di pratiche agricole che preservino il suolo, a partire da BioAksxter®, riparatore dell’agro-ecosistema.

M31 Agricoltura

M31 Agricoltura

L'unico fertilizzante disinquinante per frutticoltura, olivicoltura, cerealicoltura, orticoltura e vivaismo. Indicato per prevenire e risanare le malattie grazie all'aumento delle difese naturali della pianta.

Vedi e acquista
M32 Ortoflorovivaismo

M32 Ortoflorovivaismo

L'unico fertilizzante disinquinante per giovani piante in vivaio, orticole da foglia a ciclo breve, colture floricole ed ornamentali, aree verdi. Agisce principalmente sullo sviluppo vegetativo, rigenerando le strutture vegetali e massimizzando la produzione.

Vedi e acquista

Contatti

Per qualsiasi informazione sui prodotti disinquinanti BioAksxter® contattaci tramite il webform di richiesta o chiamando al numero 0465 734591

Richiedi info Iscriviti alla newsletter

Articoli correlati

aratura-con-i-buoi-bioaksxter1-1068x689
19 febbraio 2020 / BioAksxter®

Agricoltura: tutte le lavorazioni del terreno

  • Aziende agricole
  • Agricoltura sostenibile e Ambiente

Leggi

copertina-5,2302.jpg?WebbinsCacheCounter=1
04 dicembre 2019 / BioAksxter®

L’inquinamento del suolo, un male del nostro tempo

  • Aziende agricole
  • Agricoltura sostenibile e Ambiente
  • Storytelling

Leggi

copertina-1068x785
11 giugno 2019 / Mariano Bianco

TERRENI AGRICOLI: capacità di ritenzione idrica e capacità drenante

  • Aziende agricole
  • Agricoltura sostenibile e Ambiente
  • Problematiche agricole

Leggi

copertina-1068x785
27 marzo 2019 / BioAksxter®

ACQUA in AGRICOLTURA: la riqualificazione delle acque irrigue

  • Aziende agricole
  • Agricoltura sostenibile e Ambiente
  • Storytelling

Leggi

testpic_3
11 ottobre 2017 / BioAksxter®

Il sovescio invernale: dalla semina all’interramento. Quando e Come?

  • Aziende agricole
  • Agricoltura sostenibile e Ambiente
  • Coltivare l'orto e il giardino

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor Leggi

testpic_3
04 ottobre 2017 / BioAksxter®

E’ tempo di SOVESCIO: Cosa, Come, Quando e Perché?

  • Aziende agricole
  • Agricoltura sostenibile e Ambiente
  • Coltivare l'orto e il giardino

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor Leggi

testpic_3
12 aprile 2017 / BioAksxter®

Emergenza siccità Italia: come ridurre le irrigazioni?

  • Aziende agricole
  • Agricoltura sostenibile e Ambiente

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor Leggi

Community BioAksxter®

Restiamo sempre in contatto, non perderti le informazioni sul mondo BioAksxter®.
Studi, consigli tecnici e notizie riguardanti l'agricoltura e l'ambiente. Ma non solo. Se vuoi sostenere il nostro impegno concreto di ricostruzione dell’ambiente, perché sei un agricoltore consapevole o un cittadino responsabile che guarda al futuro, entra nella community e partecipa attivamente al disinquinamento.

Facebook Instagram Youtube Twitter pinterest linkedin

Grazie

Ti abbiamo inviato un'email. Per attivare la newsletter clicca sul link che troverai nel messaggio, grazie!

close

Iscriviti alla newsletter

Annulla
close

Credits & Copyright

PROGETTAZIONE, GRAFICA, CONVERSIONE E REALIZZAZIONE SITO WEB:
www.kumbe.it

MATERIALE FOTOGRAFICO E MULTIMEDIALE:
AXS M31 e relativi proprietari

TESTI:
AXS M31


© Copyright AXS M31 di Zambanini Silvana
É assolutamente vietato copiare e/o riprodurre anche solo in parte qualsiasi contenuto senza previa esplicita autorizzazione.

close

Grazie

Il suo messaggio è stato spedito correttamente.

close
Nascondi video
Chiudi Registrati

Oppure accedi

Password dimenticata?

Chiudi

Recupero password


Chiudi
close